La Danza nel Cuore

Gli inizi?

Li ricordo così… le note dell’indimenticabile Invito alla Danza di Weber ed io che con molto sussiego eseguivo i passi che l’improbabile docente di danza classica autodefinitasi ‘della Scala’ mi aveva insegnato… avevo iniziato a 5 anni in Sicilia dove ero arrivata dall’Africa e continuato fino ai circa 9 per poi essere catapultata a Roma per il trasferimento della famiglia.

Al momento di andare alle medie mi fu chiesto che cosa volessi fare ed ecco lì quel fuoco nascosto: DANZA!

Arrivai così all’Accademia Nazionale di Danza ‘spinazzit’ non certo dotato ma sicuramente appassionato e torchiato dal senso del dovere…

Uscii a 18 anni ed il primo desiderio di LIBERTA’ si materializzò nella Compagnia: i Balletti di Patrizia Salvatori.

La Danza ti entra nel cuore davvero o la ami o ti è indifferente, o vive in te fino a che respiri o ti passa silenziosa accanto, o diventa ragione di vita e sangue pulsante o inutile espressione di invasati… ‘gli scumazein’ come mia mamma modenese definiva il mio continuo saltellare, muover le braccia, ruotare su me stessa, interpretare qualsiasi melodia io mi trovassi ad ascoltare…

Ma grazie a mia madre che mi lasciò ‘giocare’ con questa passione, non comprendendola, ma assecondandola perché forse in qualche modo consentiva anche a lei di vivere una visibilità e gioia riflessa, ho potuto tessere un cammino lungo, professionale, costellato di grandi delusioni ma anche di infinite soddisfazioni e di insostituibili emozioni.

Ho danzato per 20 anni con quello che dal 1978 è stato il Gruppo Danza Oggi, prima compagnia italiana ad esibirsi in Finlandia, ad essere invitata in Corea del Sud al prestigioso Chung Mu Art Festival, ad inaugurare al Cairo un Teatro, El Gomhoureya, ma anche in Svizzera, Portogallo, Germania: belle occasioni che con caparbietà e tenacia andavo a realizzare.

Musance è uno dei miei fiori all’occhiello danzatori e musicisti dal vivo a creare insieme gli spettacoli, oggi sembra semplice ma negli anni 80 non era proprio uno scherzo…con cui abbiamo avuto grande attenzione anche da personaggi molto noti…Pippo Baudo, uno fra tanti…

Poi nel 1984 giunse il riconoscimento da parte del Ministero dello Spettacolo che dava senso a tutta la fatica fatta e spingeva a fare meglio… La storia di Patrizia Salvatori a volte si identifica nella Compagnia, perché quell’ansia di creare e crescere mi ha accompagnato sia nella conoscenza e nell’ampliamento della mia formazione arrivata fino a Londra al The Place, il tempio della Danza Contemporanea in Europa, che nell’affrontare campi nuovi, come quello del Management, con i corsi della LUISS.

Ho avuto l’onore e la fortuna di incontrare e praticare con i ‘GRANDI’ Merce Cunningham, Antony Van Laast,Jean Cebron, Daniel Lewis, Nina Fonaroff, Bob Curtis, Lindsay Kemp, artisti che mi hanno tutti dato molto ed a cui io ho corrisposto il mio massimo: non ero dotata, ma così profondamente coinvolta, che il cuore e la mente hanno fatto il resto e mi hanno regalato 20 anni di carriera e tanta professionalità.

Dopo il 2000 mi sono dedicata al management iniziando a produrre altri coreografi, con apertura ed avvicinamento a nuovi linguaggi, al mondo della Danza Urban, vera spinta energetica di terra, solare, ed ho affrontato questo diverso ruolo con l’animo e lo sguardo dell’artista.

Devo a questo la creatività progettuale che mi contraddistingue, l’instancabile lavoro di costruzione, la volontà di fare rete, la facilità a comunicare, l’assoluta naturalezza sul palco… la gioventù che ancora oggi sento in me e che mi permette di cavalcare il tempo con gioia e senza troppi rimpianti.

Grazie alle collaborazioni con diversi professionisti che ancora mi apprezzano, sono svariate le incursioni in scena che ancora mi coinvolgono, dai movimenti scenici di opere liriche per il Maestro Scarton alle coreografie di Trilussa per la Titanus, dai progetti di danza contemporanea nella Scuola dell’Infanzia che seguo dal 1999, al rapporto con il mondo affascinante della disabilità…

Ad oggi Patrizia Salvatori produce E.sperimenti Dance Company, un progetto innovativo e folle che aggrega diversi danzatori italiani nella condivisione di un punto di vista, una prospettiva che vede la danza come pura emozione da condividere, che tradizione ed innovazione siano intersecati, che la contaminazione gestuale crei una unità, ma che la individualità debba essere salvaguardata e che si prende forza se, pur essendo diversi, insieme si sia una cosa sola…

Ma anche instancabilmente idea e realizza progetti di internazionalizzazione che mettono in rete culture e realtà diverse in un creativo crogiuolo di energie positive, si occupa di progetti sociali diretti soprattutto alle tribù giovanili di cui la danza è strumento e cura in quanto l’arte è medico e medicina.

Ultima fatica è stata infatti una tournèe internazionale che ha visto circa 200 giovani partecipare ai laboratori della Compagnia, impegnata anche con i propri spettacoli nelle 6 capitali asiatiche del Progetto in rete con altrettante sedi diplomatiche italiane, per la promozione della cultura e della creatività italiana all’estero.

Ancora nella chiusura dell’anno proseguiranno le azioni che in nome di Lindsay Kemp si realizzano nelle aree del terremoto, grazie alla splendida Daniela Maccari, sua erede spirituale e musa.
Una vita complessa con impegni e visione a 360° che hanno consentito a Patrizia Salvatori di mantenere posizioni e punti di vista autonomi, estremamente aggiornati e contemporanei, con la stessa capacità di coinvolgimento dell’altro, artista, pubblico, studente, nelle azioni, attività, progettazioni che propone con immutato candore e freschezza.

Il Gruppo Danza Oggi

Il Gruppo Danza Oggi (GDO) è un’Associazione Culturale senza scopo di lucro, fondata nel 1978 dalla coreografa Patrizia Salvatori, oggi ancora artistic&managing director, che ne orienta scelte, linee culturali ed obiettivi.

Il GDO opera con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Marche e del Comune di Corinaldo, dove è in residenza artistica.
Fa parte di Federculture, Consorzio Marche Spettacolo, Rete Con.Me, Rete Ri.De. ed è CID Unesco member.

Obiettivo principale del GDO è da sempre quello di diffondere la cultura attraverso progetti di grande qualità che coinvolgano il pubblico in maniera diretta, formandolo e coinvolgendolo.

Il GDO perciò promuove e diffonde lo Spettacolo dal Vivo e la Danza in particolare, in Italia ed all’Estero, con attività di produzione e distribuzione di spettacoli di danza, di ricerca e sperimentazione, di formazione di nuove creatività, di attività seminariali e di laboratorio, di progettazione e realizzazione di eventi culturali, con un’attenzione particolare alla ricaduta sociale.

Il GDO è oggi una struttura di produzione caratterizzata da stabilità di impresa e qualità operativa, buone pratiche, trasparenza ed efficienza gestionale, con uno staff qualificato e professionale, che collabora con Enti pubblici e privati.

Dal 1978 realizza ogni anno almeno 50 spettacoli ed eventi in Italia e all’Estero (Europa, Stati Uniti, Russia, Brasile, Tailandia, Indonesia, Malesia, Corea del Sud, Finlandia, Ungheria, Cina, ecc.) che il pubblico apprezza ed applaude per l’alta qualità performativa.
Il GDO dal 1998 si è dedicato alla produzione di nuovi coreografi ed anche al sostegno della creatività under 35, dando una nuova veste di ‘dance factory’ alla propria attività.

Dal 2013 il Gruppo Danza Oggi ha spostato la sua sede nelle Marche, dove è l’unica Struttura di Produzione Danza riconosciuta, e promuove con un protocollo triennale per il Comune di Corinaldo il Festival di Danza Urbana che anima il Borgo nelle sue piazze e vie, il Teatro Goldoni ed il territorio tutto con la danza contemporanea italiana ed europea, organizzando anche residenze artistiche.

Dal 2014 produce il Progetto di contaminazione gestuale e coreografica, E.sperimenti Dance Company, che rappresenta la compagnia di punta del GDO, con ottimi danzatori, di grande esperienza, in gran parte under 35, noti all’estero come in Italia.

Energia, ironia e lirismo, li contraddistinguono, abilmente fusi per raggiungere un riuscito ponte virtuale tra tradizione e innovazione, un crossover tra stili e tecniche diverse per un ensemble unico e originale.

Un’ultima lunga tournee di successo, si è appena conclusa nel bacino asiatico, realizzata in collaborazione con Mibac, MAECI, Regione Emilia Romagna, Regione Marche, Embassy of Italy in Bangkok, Italian Cultural Institute Hong Kong, Italian Cultural Institute Jakarta, Embassy of Italy in Singapore, Embassy of Italy in Kuala Lumpur e Embassy of Italy in Manila e con il network internazionale I.A.S.A.S.
Sei le Capitali coinvolte che hanno applaudito le produzioni della Compagnia E.sperimenti: Jakarta, Bangkok, Manila, Hong Kong, Singapore e Kuala Lumpur.

Metti in scena la danza contemporanea nel mondo

Vuoi programmare uno spettacolo?