Patrizia Salvatori

Gli inizi?

Li ricordo così… le note dell’indimenticabile Invito alla Danza di Weber e io che,

orgogliosa del ruolo, eseguivo i passi che l’improbabile maestro che si autodefiniva “del Teatro della Scala” mi aveva insegnato!

… e poi il tempo è passato: dall’Africa alla Sicilia, dall’Accademia di Danza di Roma al The Place di Londra e poi … e poie poi … tournèe, spettacoli, festival e ora 50 anni dall’inizio e una visione sempre fresca di tradizione e innovazione di sostegno ai giovani, di commitment sociale e alla ricerca del bello.

Rubo quanto ascoltato da una meravigliosa donna marchigiana di 88 anni che ricamando al tombolo ha detto all’EXPO Dubai 2022: “ a me piace fare solo cose belle!”

Il mio curriculum

Si forma all’Accademia Nazionale di Danza a Roma e si perfeziona alla LSCD di Londra. Crea la struttura produttiva del GDO nel 1978 che è sovvenzionata dal 1984, di cui è da sempre Direttore Artistico. Dopo 20 anni di carriera mette in campo le conoscenze acquisite per costruirsi come Manager diventando un producer attento ai suoi artisti. Dal 1997 si occupa delle nuove tendenze del mondo giovanile curandone l’organizzazione di significativi eventi in collaborazione con latri professionisti del settore.
Dal 1999 è anche Direttore Artistico dell’Associazione INSCENA che cura e realizza progetti legati allo strumento artistico nella coesione e inclusione sociale.
Dal 2015 è Direttore Artistico dei progetti di inclusione sociale “Il Cratere del Terremoto” e “Liberando le Energie” sostenuti nell’ambito delle Azioni di Sistema dal MiBact dal 2015.
Ideazione evento Gala della Danza e Giovani Talenti, Crea.Me e molti altri ancora.
Come Compagnia di Autore, GDO è stata la prima compagnia italiana in Finlandia e in Corea del Sud. Crede nella internazionalizzazione ed ha portato i suoi artisti nel mondo da New York all’Asia, al Bejing Dance Festival e al Grand Theatre del S.I.D.C. di Shangai.
Nel 2019 ha ideato e realizzato Cultural Exchange Project, una tournèe che ha coinvolto sei Stati del Bacino Asiatico con otto spettacoli, il network internazionale IASAS con oltre 230 studenti con residenze e restituzioni sceniche in quattro sedi: HONG KONG, TAILANDIA, FILIPPINE, SINGAPORE e Malesia, dopo la pandemia ha ripreso la mobilità con una felice tournèe in Corea e Indonesia.
Nel 2022 ha ideato “Beauty in the Beauty”, unico progetto artistico finanziato e sostenuto dalla Regione Marche all’interno dell’EXPO DUBAI